12 Temi per un Catalogo d’arte personale / 12 Themes for a Personal Art Catalog

Il senso di una raccolta / Sense
of a collection

L’autore fa partire la sua produzione ufficiale dal 1980, ritenendo preparatori gli schizzi e le opere precedenti, di cui quasi non si conserva traccia. La prima opera riconosciuta si intitola ”La tempesta”, ma non ha riferimenti al quadro di Giorgione. E’ un caos primigenio da cui emerge una nuova forma, che ancora non si vede, ma che si realizzerà poi in seguito in dodici sezioni, o temi.


Carnival: Maschere e archetipi

I quadri di questo ciclo nascono da una fascinazione: quella  per  le  maschere.    Si è  smarrito un po’ il senso profondo di questa tradizione, ma ho  potuto  recuperarlo frequentando i carnevali dei paesi più sperduti d’Italia e d’Europa. Ho  scoperto  cos`ı un mondo: quello delle maschere antropologiche, che non hanno avuto la ventura di entrare nel repertorio della Commedia dell’Arte. Sono figure archetipiche, che lasciano sprigionare una suggestione profonda, senza tempo.

Carnival: Masks and Spells

The paintings in this cycle are born from a fascination: fascination for masks. The deep meaning of this tradition has been lost a bit, but I was able to recover it by attending the carnivals of the most remote villages in Italy and Europe. Thus I discovered a world: that of anthropological masks, which did not have the good fortune to enter the repertoire of the Commedia dell’Arte. They are archetypal
gures, which release a profound, timeless suggestion.


Plastica Ouverture

Plastica Ouverture raccoglie i quadri più legati alla tematica polimaterica, da cui il titolo plastica, con un ovvio riferimento alla scultura. Si tratta di opere create in un decennio, che si basano molto sulla tecnica dell’assemblage.

Plastica Ouverture collects the paintings most linked to the polymaterial theme, hence the title Plastica (Plastic), with an obvious reference to sculpture. These are works created in a decade, which rely heavily on the assemblage technique.


Fabula Picta

Il titolo di questo ciclo, Fabula, intende indirizzare l’attenzione verso le parole, che diventano protagoniste nei quadri. Fabula come un racconto ellittico, che si esprime in pittura (Picta). Il ciclo non ha riferimenti concettualistici. E’ un libero gioco delle facoltà, tra la scrittura e l’immagine.

The title of this cycle, Fabula, intends to direct attention to the words, which become protagonists in the paintings. Fabula as an elliptical tale, expressed in painting (Picta). The cycle has no conceptualistic references. It is a free play of the faculties, between writing and image.


Visual Music

La musica ha una lunga tradizione rappresentativa in pittura. Risale perlomeno alla figura di Orfeo in Grecia. Qui,  però,  diventa  oggetto  e  soggetto del quadro, specie quando assumono un connotato concreto.  Lo sforzo però è quello di misurarsi con la tradizione figurativa relativa alla musica, che intende cogliere l’espressione psicologica del musicista  ritratto. Il protagonista, appunto, più che la musica `e la figura del musicista.

Music has a long representative tradition in painting. It goes back at least to the gure of Orpheus in Greece. Here, however, it becomes the object and subject of the painting, especially when they take on a concrete connotation. The effort, however, is to compete with the gurative tradition relating to music, which intends to capture the psychological expression of the portrayed musician. The protag-onist, in fact, is the gure of the musician rather than the music.


Sotto un cielo meridiano

Il cielo meridiano di cui parlano questi quadri ha una connotazione geografica ben precisa: Puglia e Basilicata. Ho avuto modo, in diverse escursioni, di cogliere la bellezza estrema di questo paesaggio, incorniciato da un cielo che ha colori molto partico- lari: quelli del Mezzogiorno d’Italia. I quadri vorrebbero cogliere il senso di questo Sud profondo, senza mediazioni intellettuali, solo col colore.

Under a Meridian Sky

The meridian sky of which these paintings speak has a very specic geographical connotation: Puglia and Basilicata in South Italy. In several excursions, I was able to grasp the extreme beauty of this landscape, framed by a sky that has very particular colors: those of the South of Italy. The paintings would like to grasp the meaning of this deep South, without intellectual mediations, only with color.


Ritratti e altre visioni

Io ritengo che il compito più importante della pittura sia una rappresentazione adeguata dell’essere umano. Non si tratta  di essere tradizionalisti o rivoluzionari, in questo caso. Avverto solo l’esigenza di dipingere con una tranquilla modestia un volto umano, senza tanti orpelli. Facile non è, ma bisogna provarci, uscire fuori dallo sterile solipsismo delle pure concezioni intellettuali. Ritrovare il piacere della sfida. Riconoscersi umani fino in fondo.

Portraits and Other Visions

I believe that the most important task of painting is an adequate representation of the human being. It is not a question of being traditionalist or revolutionary in this case. I only feel the need to paint a human face with quiet modesty, without many
frills. It is not easy, but we must try: get out of the sterile solipsism of pure intellectual conceptions. Rediscover the pleasure of the challenge. To recognize oneself as human to the end.


Quel misterioso albergo sul lago

Non posso nascondere che questi quadri sono nati da uno stato di sofferenza mentale, che sto condividendo con tutta l’umanità in questo momento. Quella determinata dal Covid. In lunghi giorni di clausura e depressione, ho avuto questo sogno di un lago notturno, in un luogo sconosciuto, misterioso, inquietante. Accanto a questo lago c’è un Hotel, dalle caratteristiche incomprensibili. All’interno di questo Hotel ci sono i suoi abitanti. Questo ho visto, questo ho dipinto.

That mysterious Hotel on the Lake

I cannot hide that these paintings were born out of a state of mental suering, which I am sharing with all of humanity right now. The one determined by Covid. In long days of seclusion and depression, I had this dream of a nocturnal lake, in an un-
known, mysterious, disturbing place. Next to this lake there is a hotel, with incomprehensible characteristics. Inside this hotel are its inhabitants. I saw this, this I painted.


Orphic Night

Il ciclo di Orphic Night si basa sui quattro elementi della tradizione filosofica ed ermetica antica: acqua, aria, terra e fuoco. Sono delle variazione sui temi citati, capaci di rinnovare dall’interno quelle suggestioni.

The Orphic Night cycle is based on the four elements of the ancient philosophical and hermetic tradition: water, air, earth and re. They are variations on the aforementioned themes, capable of renewing those suggestions from within.


Urban, Lampi di forze

Urban affronta di petto i temi della contemporaneità.  Viviamo in una società ricca di possibilità, ma anche avvolta in una spirale di angoscia e frustrazioni, se non di violenza. Sotto la superficie del consumo e del consumismo si intravedono inquietanti fantasmi. Qualche volta appaiono, qualche volta bisogna soltanto stanarli.

Urban – Flashes of Forces

Urban tackles contemporary issues head-on. We live in a society full of possibilities, but also wrapped in a spiral of anguish and frustration, if not violence. Under the surface of consumption and consumerism, disturbing ghosts can be seen. Sometimes they appear, sometimes you just have to ush them out.


Orientalia – Travel Trails

Questo ciclo porta con sé tutti i ricordi di viaggi in mezzo mondo, da cui non riesco a separarmi. Li accudisco, li rivivo, li rievoco. Ho paura che se mi separo dai ricordi, perdo una parte del mio mondo: quello della diversità da me stesso. Queste suggestioni hanno saputo raccontarmi che cosa significa entrare in tradizioni diverse, di stile, di pensiero, di colore e di forme.

This cycle brings with it all the memories of travels around the world, from which I cannot separate myself. I look after them, I relive them, I recall them. I’m afraid that if I separate myself from memories, I lose a part of my world: that of diversity from myself. These suggestions have been able to tell me what it means to enter different
traditions, of style, thought, color and shapes.


L’odore della guerra

L’odore  della  guerra è quello che sento quando accendo la Tv, sento i notiziari, navigo su Internet. Le immagini sono quelle dei morti affogati nel Mediterraneo, dei rivoltosi manganellati dalle polizie locali, della violenza del potere, della sofferenza.    Non è estraneo nemmeno l’estremo degrado a cui sta andando incontro il pianeta. Questo è l’odore della guerra.

Smell of War

The smell of war is what I feel when I turn on the TV, hear the news, surf the Internet. The images are those of the dead drowned in the Mediterranean, of the rioters beaten by the local police, of the violence of power, of suffering. Even the extreme degradation the planet is undergoing is not foreign. This is the smell of war.


Cilentum Blues

Il Cilento non è per me solo una regione geografica. E’ un luogo della mente, dell’anima, del cuore. Ci vado da quando ero piccolo a trascorrere lunghe, interminabili, meravigliose estati. Conosco ogni anfratto, i colori dell’alba e del tramonto, la sensazione del caldo, i sapori della terra. Non credo che ci sia molto da aggiungere. Basta vedere i quadri.

Cilento is not just a geographical region for me. It is a place of the mind, of the soul, of the heart. I’ve been going there since I was little to spend long, endless, wonderful summers. I know every nook and cranny, the colors of sunrise and sunset, the sensation of heat, the avors of the earth. I don’t think there is much to add. Just see the paintings.


Vedi il Catalogo completo con il link qui sotto:

https://it.scribd.com/document/491450036/Antonio-De-Lisa-Adel-Portfolio-artistico-Artworks




Categorie:Senza categoria

2 replies

Trackbacks

  1. 12 Themes for a New 21st Century Artistic Language – – ANTONIO DE LISA (ADEL) – PITTURA, GRAFICA, SCULTURA / PAINTING, GRAPHICS, SCULPTURE
  2. Antonio De Lisa- Verso un’arte organica e altri scritti (Indice degli argomenti) – – ANTONIO DE LISA (ADEL) – PITTURA, GRAFICA, SCULTURA E ALTRO / PAINTING, GRAPHICS, SCULPTURE AND MORE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

WordPress.com News

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: