Alfabeto e scrittura dell’arabo

La scrittura dell’arabo

آ

Nome e pronunciaLettera finale di parolaLettera in mezzo alla parolaLettera iniziale di parolaآ Lettera isolata
Hamzahnota (1)hamzahamzahamza
alif[Consonante muta
Funge da aggancio vocalico]’nota (2)
alifalifalif
bā’[Occlusiva labiale sonora
It. bene]b
bbb
tā’[Occlusiva dentale sorda
It. tana]t
ttt
  آ 
tā’[Occlusiva interdentale sorda
Ingl. thing]t
thththth
ğīm[Affricata postalveolare sonora
It. gelo]ğ
hhhh
ḥā’ [Fricativa faringale sorda
simile alla c tra vocali in toscano (casa)]ḥ
hhhh
h̬ā’[Fricativa velare sorda “jota” spagnola o  ch tedesca (nacht)]h̬hhhh
dāl[Occlusiva dentale sonora]dhhhh
آ آ آ آ آ 
dāl[Fricativa interdentale sonora
Ingl. that]
d
hhhh
rā’[Vibrante alveolodentale
It. remo]
r
rararara
zā’[Fricativa dentale sonora
It. rosa]z
zizizizi
sīn[Fricativa dentale sorda
Italiano sole]s
sinsinsinsin
šīn[Fricativa postalveolare sorda
It. scisciarpa]š
scinscinscinscin
    
ād[Fricativa dentale sorda faringalizzata]
sadsadsadsad
ād[Occlusiva dentale sonora faringalizzata]daddaddaddad
ṭād[Occlusiva dentale sorda faringalizzata]ṭtaataataataa
ẓād
[Fricativa interdentale sonora faringalizzata]z
zaadzaadzaadzaad
‘ayn[Fricativa faringale sonora. Suono gutturale e laringeo che proviene dalla parte più profonda della gola]aainaainaainaain
    
ġayn[Fricativa velare sonora
Spagnolo daga]ġ
ghainghainghainghain
fā’[Fricativa labiale sorda
It. faro]f
ffff
qāf[Occlusiva uvulare sorda: simile ad una “k” pronunciato con un forte raschio del palato]qkaakaakaakaa
kāf[Occlusiva velare sorda
It. cane]k
kafkafkafkaf
m[Liquida alveolodentale
It. luna]l
llll
آ آ آ آ آ 
mīm[Nasale labiale
It. mare]m
mmmm
nūn[Nasale dentale
It. nido]n
nnnn
hā’[Fricativa glottale sorda
Ingl.house]h
haahaahaahaa
wāw[Approssimante velolabiale
It. uomo]w
wawwawwawwaw
yā’[Approssimante palatale
It. ieri]y
wawwawwawwaw

Nota (1): in arabo questo segno è considerato una consonante. Leggendo questa tavola è necessario far osservare:
la “hamza” si scrive sempre nello stesso modo qualunque sia la sua posizione all’interno della parola. Dal punto di vista fonetico possiamo grossolamente paragonare la “hamza” ad un’interruzione del suono.

Nota (2): all’inizio di una parola, la “a” è generalmente breve. Quando è mediana o finale è sempre lunga.

Esempi elaborati daآ  Arch. Anwar Chadli


Lettere aggiuntive:

ةtāʼ marbūṭaلاlāmalifءhamza

Vocali brevi

Nelle parole si segnano solo tre vocali brevi: a, i, u, cioè quando la voce non ci si sofferma, ma passa velocemente alla consonante che segue. Le tre vocali sono altrettanti simboli fonetici che si mettono sopra o sotto la consonante per indicare una particolare pronuncia, sono:
fatḥahLa vocale breve a (detta fatḥah) è indicata con una lineetta lievemente obliqua posta sopra la consonante da pronunciare:fathah.gifEs.:بَ = ba
kasrahLa vocale breve i (detta kasrah) è indicata con una lineetta lievemente obliqua posta sotto la consonante da pronunciare:kasrah.gifEs.:بِ = bi
ḍammahLa vocale u (detta ḍammah) è simile ad un apostrofo ed è posta sopra la consonante da pronunciare:
Es.:بُ = bu

Vocali lunghe

Le vocali lunghe sono chiamate di prolungamento e si scrivono subito dopo la consonante che la precede nella pronuncia:
ā (a lunga)La ā (a lunga) si indica facendo seguire la lettera


alif alla consonante che la precede sormontata dalla (fatḥah):

ī (i lunga)

La ī (i lunga) si indica facendo seguire la lettera
yā’ alla consonante che la precede con sotto la (kasrah):

ū (u lunga)

La ū (u lunga) si indica facendo seguire la lettera
 

wāw alla consonante che la precede con sopra la (ḍammah):

wawlunga.gif

Tanwīn o nunazione *

Una particolare serie di diacritici, chiamati tanwīn, consistenti nel raddoppiamento delle mozioni vocaliche, segnano il fenomeno fonetico della “nunazione”, che consiste in pratica nell’aggiungere in coda alla parola una vocale nasalizzata, cioè seguita da suono nasale, in questo caso la lettera nūn. A seconda della vocale, abbiamo il tanwīn fatḥah (per -an), il tanwīn kasra (per -in) e il tanwīn ḍammah (per -un).
an 
è il tanwīn della fatḥah
in 
è¨ il tanwīn della kasrah: 
un 
è il tanwīn della ḍammah
Il raddoppiamento del segno vocalico è chiamato tanwīn , in italiano, nunazione.

Il tanwīn alla fine della parola segna l’idea di indeterminazione (corrisponde cioè all’articolo indeterminativo italiano «un» «una» «uno» «degli» «delle», etc.). Si usa -un quando il sostantivo è in caso nominativo, -an quand’è in accusativo, -in quand’è in genitivo. Facciamo qualche rapido esempio:

OriginaleGrafiaPronunciaTraduzione
كتابٌkitābun[kita:bũ]un libro
(nominativo)
بكتابٍbi-kitābin[bikita:bĩ]un libro
(genitivo)
إشتريت كتابًاištaraytu kitāban[iʃtarai̯tu kitabãn]ho comprato un libro
(accusativo)

Altri segni

Geminazione: tašdīd o šadda

Un diacritico chiamato tašdīd o šadda, posto sopra la consonante, serve a raddoppiare la stessa, che verrà pronunciata con maggior forza, analogamente alla geminazione segnata dall’ortografia italiana.

IsolataNomeTraslitt.PronunciaDescrizione
סّtašdīd
šadda
סס[  ]Geminazione
Posto su una consonante, la raddoppia.

TašdīdAssimilazione

Il tašdīd serve anche a indicare l’assimilazione nel caso l’articolo determinativo al«il» preceda un sostantivo iniziante per lettera «solare». Infatti l’arabo distingue le lettere in «solari» e «lunari» le prime producono assimilazione con l’articolo, le seconde no.

image397

Vediamo come il tašdīd assimila l’articolo al con la successiva parola iniziante per lettera solare:

Originale

ألقمر
ألوزير
ألعين
ألّشمس
ألّطير
ألّنور
Grafia

al-qamar
al-wazīr
al-‘ayn
aš-šams
aṭ-ṭayr
an-nūr
Pronuncia

[alqamar]
[alwazi:r]
[alʕai̥̥n]
[aʃʃams]
[atˤtˤai̥̥r]
[annu:r]
Traduzione

la luna
il ministro
l’occhio
affascinare
affermare
quartiere


Categorie:J20.09- Arabo classico, K40.01- Richiami di Lingua araba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: